In Consiglio passa all’unanimità la mozione di Raponi sul contrassegno identificativo temporaneo - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

In Consiglio passa all’unanimità la mozione di Raponi sul contrassegno identificativo temporaneo

Durante la seduta consiliare di ieri, 19 ottobre, è passata all’unanimità la mozione presentata da Maria Concetta Raponi (Forza Italia) sull'istituzione di un Contrassegno identificativo temporaneo per le donne residenti nel Comune di Siena in stato di gravidanza o con figli fino a 3 anni di età. Come evidenziato dal consigliere <<i cosiddetti ‘parcheggi rosa’, presenti nel passato anche a Siena, oltre che in altre città a vocazione turistica, non erano mai stati formalmente istituiti perché non previsti dal Codice della strada. Solo adesso sono stati codificati dal Ministro Enrico Giovannini con i decreti attuativi del Pnrr>>. Un’azione, questa, <<che rientra appieno – ha proseguito Raponi - nell’agire di questa amministrazione, sempre attenta alle esigenze delle famiglie e, in questo particolare caso, verso le future e neo mamme, soggette a disagi negli spostamenti cittadini, poiché impegnate con carrozzine e passeggini con figli piccoli e le difficoltà di trovare parcheggio>>. Da ora in poi, quindi, chi parcheggerà impropriamente negli stalli ‘rosa’ andrà incontro a sanzioni, così come già avviene per coloro che usano quelli riservati ai portatori di handicap. Da quanto esposto la richiesta del consigliere <<di impegno del sindaco e della giunta per la realizzazione di un contrassegno identificativo temporaneo dedicato, per il parcheggio a tariffa agevolata negli stalli delimitati da strisce blu, che preveda una dettagliata regolamentazione sulle modalità di richiesta, rilascio, uso e validità>>. Nel contrassegno identificativo temporaneo, dovranno, infatti, essere riportate al massimo due targhe di proprietà della mamma o di un componente del suo nucleo familiare, oppure concesse in uso alla stessa; verrà rilasciato al solo soggetto avente diritto previa richiesta scritta dove, oltre alle generalità del richiedente, devono essere riportati i dati identificativi del veicolo e la presa d’atto che, in caso di sopravvenuta mancanza dei requisiti dovrà essere tempestivamente restituito. Alla domanda dovranno essere allegati: il certificato medico in originale, redatto dal medico specialistico e la dichiarazione della data di nascita del figlio, copia della patente di guida e la carta di circolazione del veicolo.

Ufficio Stampa Comune di Siena