Violenza di genere - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

Violenza di genere

25 NOVEMBRE -  GIORNATA INTERNAZIONALE PER L'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Il 25 novembre è stato scelto nel 1999 come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne dall’Assemblea Generale della Nazioni Unite che ha ufficializzato una data che fu scelta da un gruppo di donne attiviste, riunitesi nell'Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi a Bogotà nel 1981.
Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l'impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

 

COSA E' LA VIOLERNZA DI GENERE

In realtà la violenza di genere va al di là di una semplice violenza fisica o sessuale ai danni delle donne da parte di sconosciuti

La Convenzione del Consiglio di Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne, adottata ad Istanbul nel 2011 e ratificata dall’Italia con legge 77/2013, all’art. 3 lett. a) definisce la violenza nei confronti delle donne come “ … una violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione comprendente tutti gli atti di violenza fondati sul genere che provocano o sono suscettibili di provocare danni o sofferenze di natura fisica, sessuale, psicologica o economica, comprese le minacce di compiere tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica, che nella vita privata”.

Di fatto “La violenza contro le donne è la manifestazione di un potere relazionale storicamente diseguale tra uomini e donne … uno dei principali meccanismi sociali attraverso i quali le donne sono costrette ad occupare una posizione subordinata rispetto agli uomini”(Preambolo della Dichiarazione per l’eliminazione di tutte le discriminazioni contro le donne - CEDAW ONU New York 1993).
La violenza sulle donne si configura come violenza di genere: è esercitata specificatamente contro il genere femminile da parte del genere maschile, con l’obiettivo di mantenere e perpetrare una cultura patriarcale millenaria, fondata su una predominanza maschile. Per questo motivo è un fenomeno trasversale a tutte le culture, le classi sociali, i livelli di istruzione e di reddito e le fasce di età.
E’ un fenomeno che non può essere prevenuto se non con un’azione culturale capillare e costante.

Per meglio conoscescere il fenomeno , consulta il seguente glossario, alla cui stesura ha partecipato anche il Comune di Siena:

 

LE CONSEGUENZE DELLA VIOLENZA DI GENERE 

La violenza tiene fuori le donne dagli spazi pubblici, dal lavoro, dalla politica; impoverisce o distrugge famiglie e comunità di persone; perpetua povertà, malattia, mortalità infantile e materna.
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO OMS 1997) “….la violenza contro le donne rappresenta un problema di salute enorme …. A livello mondiale si stima che la violenza sia una causa di morte o di disabilità per le donne in età riproduttiva altrettanto grave del cancro e una causa di cattiva salute più importante degli effetti degli incidenti stradali e della malaria combinati insieme”
Sempre l’OMS definisce il problema della violenza contro le donne ed i bambini come “un problema globale di salute pubblica” e valuta i costi economici e sociali che ne derivano, definendo “l’ampia gamma di conseguenze – tra cui il danno psicologico, la privazione e il cattivo sviluppo” (rapporto sulla salute del mondo WHO OMS 2002).

 

LA RETE LOCALE ANTI-VIOLENZA DI GENERE

Dal 2015 in Italia esiste una legge contro la violenza di genere e sessuale e un Piano straordinario d'azione a livello nazionale. La Regione Toscana è intervenuta in materia con la LRT 59/2007 al fine di creare una rete di protezione e supporto per le donne e i/le minori vittime di violenza di genere. Anche nel terrritorio senese è nata una simile rete.

Infatti, il contrasto alla violenza di genere rappresenta una delle priorità di intervento che il Comune di Siena affronta in collaborazione con tutti gli altri soggetti attivi sulla materia sia nell’ambito del Tavolo interistituzionale contro la violenza sulle donne, coordinato dalla Provincia di Siena, sia nel Tavolo locale di contrasto della violenza di genere coordinato dallo stesso Comune. Lo scopo dell’azione comunale è di riuscire a costruire localmente una rete fra i soggetti pubblici e privati che intervengono a vario titolo e con ruoli differenti nelle azioni di prevenzione e contrasto alla violenza di genere in modo da realizzare servizi più efficienti e efficaci.

Con Delibera n. 459 del 23 dicembre 2015 il Comune di Siena ha adottato il Protocollo operativo locale per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne.

 
Immagine-rete

In data 11 gennaio 2016  il protocollo è stato firmato dai 15 comuni della zona senese, dalla Provincia di Siena, dalla Società della Salute Senese, dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, dall’Università degli Studi di Siena, dall’Ufficio Scolastico Territoriale, dall’Ordine degli Avvocati, dall’Ordine dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Siena dall’Ass. Donnachiamadonna e dall’associazione Aurore:  è stata così creata la rete locale per il contrasto della violenza di genere sulle donne nell’area senese della Provincia di Siena, con capofila il Comune di Siena, che ne ha anche il coordinamento.

 

 

 

 

Attualmente, la rete locale, che si intreccia con la rete del "Codice Rosa" regionale, è dotata di:

- uno  sportello di ascolto e accoglienza, dotato di personale specializzato e gestito dall'Associazione Donnachiamadonna, Centro Anti-Violenza locale (CAV) della zona senese,  con sede a Siena in Via Mattioli 8a. Lo spertello è aperto il Lunedì e il Martedì dalle ore 17,00 alle ore 19,00, il Mercoledì e il Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00. E' possibile contattare le operatrici telefonando o al numero fisso 0577 46133 o al numero di  cellulare 347 2220188 oppure scrivendo una e-mail  all'indirizzo donnachiamadonna@libero.it.

- vari punti di ascolto non specializzati che possono fornire le primissime informazioni sulla rete e sui servizi che offre e che possono indirizzare all'accesso al sistema di sicurezza. Per il Comune telefonare al n. 0577 292230 oppure 0577 292238 oppure 0577 292340 durante l'orario d'ufficio.

- accordi con varie strutture per l'accoglienza h.72, cioè  con funzione di primissima accoglienza residenziale in emergenza, destinata ad accogliere  donne che subiscono violenza di genere  ed eventuali loro figli e figli minori. L'inserimento nella struttura può essere fatto da parte di tutti i nodi della rete (es. Questura, AOUS, Servizi sociali, CAV, etc.)

In attuazione del protocollo operativo locale, nell'aprile 2017 è stata organizzata dalla rete locale una formazione specialistica  sulla tematica della violenza maschile sulle donne in ambito endo-familiare destinata agli avvocati e alle avvocate del Foro di Siena, affinchè  la problematica venga affrontata con le modalità idonee anche da chi si trova a svolgere il ruolo dell'avvocato difensore per donne maltrattate o per uomini maltrattanti.

 

 

ATTIVITA' DI SENSIBILIZZAZIONE

Il Comune ogni anno organizza un programma di  iniziative di sensibilizzazione aperte a tutta la popolazione e di attività specificatamente rivolte al mondo della scuola sul tema della prevenzione della violenza e della discriminazione sulle donne, ai sensi dell’art. 5 del Protocollo operativo locale per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne approvato con la deliberazione di giunta Comunale n. 459 del 23.12.2015.

Immagine2

La Giunta Comunale ha ribadito il suo impegno con deliberazione n. 359 del 5 ottobre 2018, con cui ha aderito  al Manifesto #indifesa: per un’Italia a misura delle bambine e delle ragazze, promosso dall'ONG Terre des Hommes, organizzazione componente della coalizione internazionale Girls Not Brides (Spose Non Bambine) e dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) e leader in Italia nella promozione e protezione dei diritti delle bambine e delle ragazze per lo Sviluppo Sostenibile.

 

 
 

 
 

Programma delle iniziative per l'anno 2019

steak-night-in-A3

Manifesto convegno

Nel 2019  l’Assessorato alle Pari Opportunità ha  organizzato, insieme all'Associazione USiena Alumni e all'Università degli Studi di Siena, un convegno rivolto alla cittadinanza, a cui sono state invitate anche le scuole secondarie di secondo ciclo, che hanno partecipato all'evento con 11 classi (circa 250 studenti)

Il  convegno, dal titolo “SDG n. 5 – Parità di genere, Condizione indispensabile per uno sviluppo sostenibile” si è tenuto in  Sala Italo Calvino del Complesso museale Santa Maria della Scala.

Lo scopo del Convegno è stato di evidenziare il perchè le pari opportunitò e in particolare la violenza sulle donne incida sullo sviluppo sostenibile della società.

Di seguito il Programma del Convegno e le slides relative all'attività comunale

Programma del Convegno (123kB - PDF)
 

 

 

 

 

 

L'amministrazione ha altresì promosso  azioni di sensbilizzazione organizzate dal mondo del volontariato o da altre istituzioni. Infatti ha:

- concesso a Soroptimist International d'Italia – Club di Siena il  patrocinio per il convegno dal titolo “La Tutela delle Persone Vulnerabili e gli Interventi Operativi alla Luce della Normativa sul Codice Rosso”, avente la finalità di diffondere la conoscenza fra gli operatori locali della nuova normativa per il contrasto della violenza sulle donnee delle sue modalità applicative;

- accolto la richiesta di Soroptimist International d'Italia - Club di Siena di illuminare di colore arancione Fonte Gaia il giorno 25 novembre per sostenere la lotta contro il femminicidio e per sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema della violenza alle donne.

- accolto la richiesta della regione Toscana di prevedere un punto informativo dedicato al numero 1522 e a dare informazioni sul tema della violenza sulle donne all'interno del mercato storico dell'Assunta, tenutosi in Piazza del Campo l'8 dicembre.

Inoltre l'assessorato alle Pari Opportunità ha concesso il proprio patrocinio alle iniziative organizzate da due partners fondamentali facenti parte della rete antiviolenza locale e cioé:

a) un evento, organizzato dall'associazione Donna chiama donna (CAV locale), tenutosi il 25 novembre alle ore 18,30 nella Limonaia del Tribunale di Siena, dal titolo “Lune velate – ritratti e storie di donne violate” e consistente in una mostra realizzata con le tele dell'artista Katia Bassi fanno da sfondo alla lettura di frasi estrapolate dai racconti delle donne che hanno subito violenza

b) una mostra organizzata dal Dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali dell'Università degli studi di Siena dedicata alle opere del pittore Umberto Tripodi e finalizzata a promuore una riflessione sulla violenza di cui le donne troppo spesso sono vittime.

 

 

 

Programma iniziative per l'anno 2018

Per l'anno 2018 l'Amministrazione ha organizzato la campagna di sensibilizzazione dal titolo #ioscelgoilrispetto,  che consiste di più iniziative e cioè:

-

manifesto-ioscelgoilrispetto

una campagna di comunicazione (manifesti, filmati, comunicati stampa, illuminazione di monumenti) a testimonianza della posizione contro la violenza sulle donne che questa Amministrazione assume, in coerenza con i valori e i principi sanciti dalla normativa nazionale e internazionale. Alla campagna hanno partecipato, come  testimonial, uomini e donne dell’Amministrazione comunale, consiglieri e consigliere di maggioranza e minoranza, altre figure istituzionali e personaggi del mondo dello sport senese a dimostrazione che il contrasto alla violenza sulle donne è un tema trasversale e condiviso da tutta la comunità.

 

 

Women-1

Nella campagna è inserita anche l'illuminazione la cappella in Piazza del Campo di arancione, colore simbolo della campagna UNiTEdi UN Women

Immagine5

- Orange the world, in risposta alle sollecitazioni pervenute dall’Associazione tutela vittime “La lampada di Dendera” e del Soroptimist International d’Italia Club di Siena.

 

 

 

 

Immagine1

- la messa in scena  al Teatro dei Rozzi dello spettacolo “Polvere, dialogo tra uomo e donna”, una rappresentazione di forte impatto emotivo che affronta il rapporto malato e violento che spesso si innesca all’interno della coppia, e dove la parola “amare” deve necessariamente distinguersi da “subire”.

 

 

 

- un convegno rivolto alla cittadinanza che si è tenuto il 30 di novembre in Sala delle Lupe dalle ore 9,00 alle ore 13,30 e a cui sono

Copertina_5mmabbondanza_page-0001-1

intervenuti rappresentanti delle istituzioni locali e della società civile e gli studenti l'Istituto superiore Caselli, per presentare il progetto “Belle da non morire”, patrocinato dall'Amministrazione e concretizzatosi in una pubblicazione che raccoglie una serie di racconti e di immagini  che prendono spunti da favole, canzoni e fatti di cronaca.

Belle da non morire (21.791kB - PDF)
 
Programma del Convegno (185kB - PDF)
 

 

Durante il convegno è stato inoltre presentato da Gianni Colombini, dirigente di Siena Judo del CUS e presidente dell'AIDP, il corso gratuito di autodifesa e rivolto alle studentesse universitarie e a tutte le ragazze maggiorenni e donne che risiedono, studiano e lavorano a Siena e il corso multidisciplinare per il contrsto della violenza sulle donne realizzato in collaborazione con l'Università degli studi di Siena.

Di seguito gli atti del Convegno (pubblicazione temporanea) e i 2 filmati mostrati durante il convegno: un filmato che raccoglie le percezioni sulla visione della violenza sulle donne di  studenti delle scuole superiori di Siena e di studenti universitari e uno spot contro la violenza realizzato presso l'Ufficio Comunicazione dallo stagista Alessandro Semplici.

Spot  - Stop alla Violenza contro le Donne

 
 

 
 

ARCHIVIO
 

Programma iniziative per l'anno 2017

web_-giornata-contro-la-violenza-def

           Adesione campagna UNiTE di UN Women - Orange the world      

Women-1