Riferimenti Normativi ed Adempimenti del Contribuente - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

Riferimenti Normativi ed Adempimenti del Contribuente

MISURE STRAORDINARIE DI CARATTERE TRIBUTARIO E TARIFFARIO STRAORDINARIO PER L’ANNO 2020 IN DEROGA AI VIGENTI REGOLAMENTI.

*******

MISURE URGENTI PER LA RIPRESA DELLA CITTA' - MANOVRA STRAORDINARIA "SIENA RIPARTIAMO INSIEME" - ATTO DI INDIRIZZO

*******

La tassa sui rifiuti (TARI) è il tributo destinato a finanziare i costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte suscettibili di produrre i rifiuti medesimi.

Il Comune di Siena svolge periodicamente l’aggiornamento delle posizioni dei contribuenti e dei dati sulle superfici da tassare in relazione alle utenze domestiche e non domestiche del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti (TARI).

Al fine di evitare di ricevere atti di accertamento con la applicazione di sanzioni i contribuenti sono obbligati a denunciare ogni e qualunque variazione anagrafica o di superficie afferenti l’immobile occupato per evitare l’applicazione di sanzioni in caso di mancata od erronea o infedele comunicazione o omesso pagamento.

 

"In coerenza con quanto stabilito dall'art. 62, 1° e 6° comma, del D.L. 18/2020 "Curaitalia", emanato a seguito dell'emergenza sanitaria Covid-19, il termine del 30 aprile 2020 per la richiesta di esenzione dalla TARI 2020 basata sull'ISEE nel Comune di Siena è prorogato al 30.6.2020"

 

L’ Articolo 107 del Decreto Legge  17 marzo 2020, n. 18.disciplina in generale il Differimento di termini amministrativo-contabili degli Enti locali. In particolare  in considerazione della situazione straordinaria di emergenza sanitaria derivante dalla diffusione dell’epidemia da COVID-19 e della oggettiva necessità di alleggerire i carichi amministrativi di enti ed organismi pubblici anche mediante la dilazione degli adempimenti e delle scadenze, il comma 4 del medesimo articolo è intervenuto,  relativamente alla statuizione del termine per la determinazione delle tariffe Tari, attualmente previsto dall’articolo 1, comma 683-bis, della legge 27 dicembre 2013, n.147, differendolo  al 30 giugno 2020.

Si ricorda che il DL Fiscale 2019 (D.L. 26 ottobre 2019, n. 124, convertito in  L.19 dicembre 2019, n. 157, aveva  stabilito la scadenza del 30 aprile 2020 per l’adozione dei Piani Finanziari, delle tariffe e delle eventuali modifiche dei regolamenti TARI.
Tale comma va letto coordinatamente con il comma 5 che ha previsto  che i comuni possano, in deroga all’articolo 1, commi 654 e 683, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, approvare le tariffe della TARI adottate per l’anno 2019, anche per l’anno 2020, provvedendo entro il 31 dicembre 2020 alla determinazione ed approvazione del piano economico finanziario del servizio rifiuti (PEF) per il 2020. L’eventuale conguaglio tra i costi risultanti dal PEF per il 2020 ed i costi determinati per l’anno 2019 può essere ripartito in tre anni, a decorrere dal 2021.